Sapete il paradosso di Giaccherini? C’è da ridere (meno se si pensa che è il sostituto di Insigne)…

Giaccherini sostituto di Insigne, assurdo

giaccherini

“Sarri sta provando a mantenere la squadra con i piedi per terra. Lui ha il polso dello spogliatoio, è lui che conosce valore e condizione della rosa.
Quando il tecnico dice di preferire un titolare forte anche se a mezzo servizio c’è da credergli.

La rosa è incompleta, Giaccherini dovrebbe essere il sostituto di Insigne… Questo non è positivo.
La rosa del Napoli non è come quella della Juventus, che invece ha 22 giocatori dello stesso livello.  

L’allenatore non deve fare lo psicanalista, ma deve gestire i giocatori, le risorse che ha a disposizione e sulla base di queste, andare avanti fino alla fine: cercare di portare a casa gli obiettivi”. Sono le parole di Maurizio De Giovanni, scrittore. E’ intervenuto a Crc. Come dargli torto…

Giaccherini sostituto naturale di Insigne è una aberrazione (non ce ne voglia il povero Giack, che -curiosamente – è il giocatore del Napoli più titolato).

CONDIVIDI
Amante del Napoli da sempre, con NapoliPage per raccontare la verità e sdoganare alcuni argomenti sul Napoli e sul calcio in generale