L’attacco a Sarri: “Colpa sua se il Napoli non sogna più in…”

sarri

L’edizione odierna di Repubblica Napoli nel consueto editoriale del noto giornalista Antonio Corbo, esalta il fascino di una notte Champions nel ricordo di quelle passate alla guida di Mazzarri e Benitez. Non passa inosservata la stilettata nei confronti di Maurizio Sarri e il plauso per Ancelotti:

“Intanto ha creato l’atmosfera delle grandi vigilie, quelle che in Champions il Napoli aveva dimenticato. Anche i tifosi hanno ricordi troppo lontani dei trionfi legati a Mazzarri e Benitez. Arsenal, Bayern, Manchester City, che notti. Ritrovano lentamente il fascino della più grande competizione europea per club.

È stato il Napoli del Bel Gioco a svilirne i valori. Sarri ed il giocatori, lanciati dal patto di Castel Volturno alla conquista dello scudetto, come ammise l’allenatore volando al Chelsea. I 91 punti e il relativo record ora non lasciano neanche una virgola con penna biro nell’albo d’oro della società. Ma il rimpianto di De Laurentiis sull’inventario dei danni: 15 milioni in meno.

In attesa di Ghoulam, chissà cosa inventerà per migliorare il Napoli sulle zone esterne di difesa. Lacune sempre segnalate dagli osservatori più attenti, ma Ancelotti non ha mai insistito per strappare acquisti adeguati alle sue ambizioni. Un motivo c’è. E risiede nel profilo professionale di un allenatore che ha vinto ovunque, ma che proprio in Inghilterra ha svolto ruoli anche manageriali.

Mazzarri come Sarri si rifugiava, non senza malizia, dietro la frase: “Alleno i giocatori che la società mi dà”. Non lo dirà mai Ancelotti perché da tecnico e manager ha condiviso l’indirizzo societario. Non scinde la sua panchina dalla presidenza. Si sente egli stesso il Napoli. E con questi sentimenti va allo scontro con un club tra i più forti al mondo. Creatività, competenza, coraggio delle idee. Non gli manca nulla per tentare. Vai Carletto”.

CONDIVIDI
Articolista dal 2012 principalmente sul Napoli, specializzato nelle analisi tattiche e tecniche di giocatori e squadre in particolar mondo per quanto riguarda le statistiche calcistiche.