Rivoluzione SKY, cambiano tanti commentatori e va via qualcuno. I tifosi azzurri esultano!

studio sky

Il valzer delle punte (intese come attaccanti), delle panchine (intese come allenatori), delle voci (intese come commentatori): ognuno ha il calciomercato che si merita, anche se il ballo associato (e abusato) è sempre lo stesso. Da quando lo sport si guarda più in tv che negli stadi, anche gli opinionisti sportivi hanno iniziato ad avere un borsino. Ex calciatori che quando sono bravi non fanno capire che in passato hanno giocato per questa o quella squadra; ex calciatori che magari hanno segnato e vinto tanto, ma non è detto che siano altrettanto fuoriclasse a commentare.

La prossima stagione passerà alla storia per essere quella del doppio abbonamento (Sky e Dazn) per vedere tutta la serie A, ma sarà anche quella della rivoluzione nelle voci, tra silurati, riciclati e nuovi ingressi. Nelle serate di Champions Ilaria D’Amico (che lascia la serie A domenicale alla coppia di fatto Bonan-Di Marzio) avrà al suo fianco Alessandro Costacurta. In studio si alternerà una rosa di ex vincitori di Champions: Del Piero, Cambiasso e Vialli, ma la novità è Pirlo — immenso talento con il pallone, da verificare se lo è altrettanto con la parola: tutti lo dipingono come fuoco d’artificio nel segreto dello spogliatoio, ma a telecamere accese le sue uscite sono apparse parecchio bagnate.

Chi non si rivede dopo 14 stagioni è Massimo Mauro, il cui tifo palesemente filo-juventino e le prese di posizione anti-Var hanno avvelenato parecchi tifosi. C’è chi lo descrive come deluso, lui fa l’uomo di mondo: «Non è successo niente. Si cambiano gli allenatori e i giocatori, normale che si cambino anche i commentatori». Ma il tono è di chi sembra non averla presa benissimo.

Non ha giocato con Zico, Platini e Maradona e ha un curriculum da onesto calciatore, ma Lele Adani ha conquistato consensi con la sua competenza e professionalità. Ora è tra coloro che son sospesi. Ci sono colloqui in corso con Sky, ma per averlo si è fatta avanti anche Dazn.

Le prossime ore — formula che vale per lui come per qualunque attaccante — potrebbero essere decisive, anche se il borsino dice più Sky che Dazn. La piattaforma di streaming (trasmetterà 3 partite su 10 a giornata) ha già fatto i suoi primi acquisti. A gestire lo studio dei pre e post partita Diletta Leotta, tra gli opinionisti Paolo Maldini.

Anche la Rai si muove, nonostante il caos dopo l’addio a RaiSport del direttore Gabriele Romagnoli. La tv pubblica ha fatto il colpo con l’esclusiva in chiaro della miglior partita (mercoledì) delle italiane in Champions: pre e post partita sono nelle mani di Paola Ferrari, mentre al suo fianco ci sarà Paolo Rossi, scippato a Mediaset.

Non un grande sforzo, visto che ormai è rimasta senza calcio e pure senza canale: da ieri Premium Sport ha chiuso le trasmissioni. L’ex centravanti di Spagna ‘82 sarà coinvolto anche nei commenti delle partite della Nazionale, sempre da studio. Allo stadio invece Alberto Rimedio e Antonio Di Gennaro come seconda voce. La Domenica Sportiva si rinnova a metà con Tardelli (confermato) e Pecci (probabile arrivo).

Fonte : Corriere della Sera
CONDIVIDI
Articolista dal 2012 principalmente sul Napoli, specializzato nelle analisi tattiche e tecniche di giocatori e squadre in particolar mondo per quanto riguarda le statistiche calcistiche.