“Un ex azzurro svela: “Minacciato dai napoletani e stasera non tiferò per loro”

europa league

David Sesa, doppio ex di Zurigo e Napoli, ha rilasciato un’intervista al quotidiano svizzero Blick in vista della sfida di Europa League:

“A Napoli vanno pazzi per il calcio, si vive e se ne parla ventiquattro ore al giorno! La città è bellissima e ci sono tante cose belle da vedere, direi uniche. Il mio esordio fu con la Juventus alla prima di campionato davanti a settantamila persone. Diedi l’assist vincente a Stellone per l’1-0, il San Paolo esplose. Era una gara molto sentita quella con i bianconeri, purtroppo alla fine perdemmo. A Napoli si vive ancora Maradona, un Dio assoluto. Ricordo che quando ero in azzurro, suo figlio giocava nelle giovanili. C’era tanto clamore intorno a lui. Dopo la sconfitta per 1-5 con il Bologna in casa ricordo la contestazione degli ultrà, a fine gara fummo anche minacciati, la pressione era completamente diversa rispetto a Zurigo. Quando perdevi dovevi stare chiuso in casa. A Napoli stavo a casa perché ho passato quattro anni brutto dove perdevamo sempre. Il Napoli è una grande squadra, ma lo Zurigo non ha nulla da perdere. In casa hanno già battuto il Bayer. Resto affezionato ai colori azzurri, ma tiferò Zurigo perché sono cresciuto lì”.

CONDIVIDI
Laureando in giurisprudenza con la passione del giornalismo sportivo. Innamorato di Napoli e del Napoli, si pone con la scrittura l’obiettivo di raccontare il calcio in tutte le sue sfaccettature.