Ultima al San Paolo per Insigne. Di scena la sua prossima squadra. Ecco i tifosi cosa…

Per i napoletani è sempre stato scomodo questo territorio. Ricordate Quagliarella? Dopo tempo abbiamo scoperto l’arcano». A riaprire il caso legato a Insigne è la rauca voce di De Laurentiis. Un caso che prima di abbracciare il mercato risiede anzitutto in casa propria. Paragonando la questione Insigne a quella Quagliarella, Aurelio ha nuovamente aperto all’ipotesi del divorzio.

Le pressioni e i condizionamenti della piazza vanno ad incidere anche sul rendimento del capitano ed è per questo che, in presenza di offerte soddisfacenti, il Napoli non si farebbe troppi problemi a disfarsi del suo uomo più rappresentativo. Curioso è il fatto che proprio alla vigilia della sfida con l’Inter si torni a parlare di una eventuale partenza di Insigne, proprio quel club a cui piaceva ancor prima che il Napoli s’accorgesse di lui. L’interesse c’è ancora, concreto più che mai vista la possibile rivoluzione che potrebbe esserci in estate (via Perisic e forse Icardi), i soldi non mancano, ma la differenza di vedute sul valore economico del ragazzo fa ancora la differenza.

In mezzo c’è il solito Mino Raiola, che veste i panni del mediatore e va alla ricerca di un punto d’incontro. Non che Insigne voglia andar via a tutti i costi, perché lui in fondo in azzurro sta bene, ma se dovessero palesarsi altre opportunità – vere, con tanto di trattativa che per ora non esiste – è chiaro che saranno prese in considerazione.

CONDIVIDI
Amante del Napoli da sempre, con NapoliPage per raccontare la verità e sdoganare alcuni argomenti sul Napoli e sul calcio in generale