Simeone esalta i tifosi azzurri: “Segnare a Buffon è il mio sogno!”

GIOVANNI SIMEONE

Giovanni Simeone, attaccante della Fiorentina, ha parlato a Tuttosport del match contro la Juventus:

Giovanni Simeone, domani arriva la Juventus: il primo pensiero? «Rivivere la gioia immensa di un anno e mezzo fa quando, con la maglia del Genoa, segnai una doppietta a Buffon e contribuii a regalare alla squadra e ai tifosi una vittoria importantissima per 3-1».

Era il 27 novembre 2016: quella partita rappresenta ancora adesso il momento più esaltante della sua giovane esperienza nel calcio italiano? «Sicuro, ma non solo a livello professionale. Quello è stato il giorno più bello della mia vita. Lo dissi allora e lo ripeto ora. L’emozione per quella doppietta resterà per sempre nei miei ricordi, da raccontare e tramandare un domani ai miei figli quando li avrò e saranno grandi».

Quel giorno sfiorò addirittura la tripletta. «Purtroppo ancora non c’era il Var (ride), fu questione di centimetri. Ci fossi riuscito avrei messo il pallone in un museo». I tifosi viola aspettano che lei domani conceda il bis. «Darei tutto per riuscirci. Ma rinuncerei al gol pur di vincere. Sono carico a mille».

Però anche lei, come Suarez nella finale Champions 2015, è riuscito a fare gol a Buffon. «Detto che giocare in Champions è uno dei miei grandi sogni che spero di realizzare (e mostra tatuato sul braccio il pallone a stelle simbolo della competizione, ndr), per me è motivo di orgoglio aver segnato a un mito come Buffon. Affrontarlo mi dà una carica pazzesca, segnargli di nuovo sarebbe una gioia indescrivibile».

Da cosa deriva tanto ottimismo? «Dalla consapevolezza di avere dei valori, dal fatto che anche noi siamo affamati, dalla certezza che ogni squadra, anche la più forte, ha qualche punto debole. E la Juve non fa eccezione. Se lotteremo fino alla fine, senza mollare, con cuore, coraggio, grinta, potremo riuscirci. Insomma, siamo pronti».

Lo scudetto è un affare tra Napoli e Juve? «Nessun dubbio. Sono le migliori. Ammiro da sempre la Juve per la sua forza, la sua voglia di vincere, i suoi argentini. Mi piace il Napoli per il suo gioco. Sarà un duello fino all’ultimo».

Il gol che sogna di fare? «Fra poche ore, a Buffon».

CONDIVIDI
Articolista dal 2012 principalmente sul Napoli, specializzato nelle analisi tattiche e tecniche di giocatori e squadre in particolar mondo per quanto riguarda le statistiche calcistiche.