Sarri: “Non ho visto sofferenza da parte dei miei, ma qualcosa da rivedere c’è”

sarri

Altro successo per il Napoli di Maurizio Sarri, che trascinato dai fantastici quattro lì avanti, conquista la Sardegna Arena e batte il Cagliari 5-0. “Sofferenza? Ne ho vista poca onestamente, il Cagliari è stato in partita fino al gol, dopodiché ha gettato la spugna”, commenta così il tecnico azzurro ai microfoni di Premium Sport.

“Dal punto di vista della fisicità loro erano superiori, e lo hanno dimostrato in occasione di qualche azione sporca in area, ma i miei ragazzi hanno lavorato abbastanza bene in difesa, ma dopo il 2-0 non c’è più stata partita. Ma sicuramente, rivedendo la gara troveremo qualcosa da migliorare, magari su qualche movimento difensivo.

Io dicevo che la Juventus vince sempre, quindi giocando sempre prima di noi ci avrebbe messo pressione; il mio era un discorso matematico, di probabilità che noi giocassimo sempre dopo e tutti hanno detto che giocare prima non era un vantaggio, ora invece non penso che giocare prima di loro sia un vantaggio per noi. Sono senza dubbio una grande squadra, che ha delle qualità infinite sotto tutti i punti di vista.

Quando una squadra fa così bene in tanto tempo i meriti vanno suddivisi, la maggior parte per me vanno ai giocatori, che si sono messi a disposizione. Il feeling con il direttore sportivo è importante.

Se possiamo arrivare a 100 punti? Dio lo volesse (ride). Abbiamo iniziato questo percorso iniziando da 64 punti, siamo sempre cresciuti ma non sappiamo se possiamo arrivare lì sopra o no. È un territorio per noi sconosciuto, dico sempre ai ragazzi che sono rimaste dodici gare e che dobbiamo vincerne undici e pareggiarne una.

Milik secondo me sta molto bene, il ragazzo è un pochino incerto se dichiararsi pronto per ritornare in campo. Mi ha fatto una buona impressione in settimana, credo sia molto vicino a tornare a giocare uno spezzone di partita.

CONDIVIDI