Milan in serie difficoltà, debiti di 303 milioni, a metà dicembre la sentenza del FPF, ma arrivano gli arabi?

fassone li mirabelli milan

Non finiscono i guai per il Milan, oltre al pareggio contro il Benevento e il cambio di guida tecnica da Montella a Gattuso, a tenere banco ora sono i problemi finanziari del Milan.

Infatti la società rossonera ha accumulato finora circa 303 milioni di debiti con il fonto statunitense Elliot e quindi, con i tassi di interesse alti, la società potrebbe andare in serie difficoltà economiche.

Stando a quanto riporta l’edizione odierna di La Repubblica, il Milan dovrebbe presentare a breve il proprio piano finanziario alla commissione Uefa, che deciderà se concedere o meno il voluntary agreement (una sorta di deroga per rientrare in tempi diversi nel Fair Play Finanziario).

La Uefa deciderà entro la metà di dicembre, ma al momento si stanno elevando delle nuove ed ulteriori indiscrezioni.

Infatti la nuova direzione cinese di Yonghong Li è in palese difficoltà, e questa potrebbe essere affiancata da un nuovo socio azionista, che però potrebbe addirittura pensare di rilevare la maggioranza.

A quanto pare questo interesse proviene da un gruppo arabo molto importante che potrebbe decidere di affiancare i cinesi nella guida del Milan. Inoltre una mano con il fondo Elliot potrebbe essere dato da una multinazionale edilizia che ha sede negli USA e che sarebbe interessato nella costruzione dello stadio, per il quale il Milan ha già avviato dei contatti preliminari con il Comuni di Milano.

 

CONDIVIDI
Articolista dal 2012 principalmente sul Napoli, specializzato nelle analisi tattiche e tecniche di giocatori e squadre in particolar mondo per quanto riguarda le statistiche calcistiche.