Juventus, a Bologna i suoi tifosi inneggiano al Fascismo

C’erano prima i cori di discriminazione territoriale. Quelli beceri, che inneggiano al Vesuvio. Un atteggiamento perpetuo, questo, volto ad offendere le origini, le tradizioni di un popolo che inerme subisce queste provocazioni quasi criminose, senza che nessuno faccia niente per evitarlo.

A Bologna è successo qualcosa di ancor più grave. Stando a quanto riferisce “LaRepubblica.it”, uno sparuto gruppo di tifosi juventini, prima della gara, si è reso protagonista di una qualcosa di veramente deprecabile. Questa volta, prese di mira sono state tutte quelle persone, che anni addietro, hanno pagato a caro prezzo le orribili gesta di un regime totalitario, che ha seminato nel nostro paese panico e terrore.

Questi pseudo tifosi hanno intonato cori inneggianti al Fascismo, con tanto di saluto romano.

Davvero una brutta storia, tenendo conto di cosa questo possa realmente significare.

L’apologia del Fascismo è un reato perseguibile penalmente. Le campagne di sensibilizzazione su tale tematica daranno prima o poi qualche risultato?

Forse, l’importante è contrastare questi fenomeni con decisioni concrete e preventive.

CONDIVIDI
Laureando in giurisprudenza con la passione del giornalismo sportivo. Innamorato di Napoli e del Napoli, si pone con la scrittura l’obiettivo di raccontare il calcio in tutte le sue sfaccettature.