Incredibile Donnarumma, inizia un nuovo caso sulle “violenze subite” dal ragazzo

Donnarumma

Incredibile quanto sta accadendo al Milan in questo periodo, il mercato estivo non sta portando i frutti sperati e ora sotto la guida di Gattuso difficilmente si può sperare in una risalita verso i primi quattro posti così come auspicato ad inizio stagione.

Ma il problema che sta sorgendo in questi giorni riguarda di nuovo il portiere Donnarumma, che in estate dopo moltissime polemiche rinnovo il contratto con il Milan passando da un contratto di 100 mila euro l’anno ad una cifra pari a 5,5 milioni di euro netti a stagione fino al 2021 (11 milioni lordi), nel contratto inoltre presenti due clausole, una da 40 milioni e un’altra da 70 milioni in caso di qualificazione in Champions League.

Ma in questi giorni Raiola e il suo entourage sta movimentando nuovamente le acque. Stando a quanto riporta il Corriere della Sera, Raiola si starebbe appellando ad una legge sulla “violenza psicologica” che porterebbe all’annullamento del contratto firmato.

Infatti quel contratto firmato da Donnarumma in estate, fu frutto di tante pressioni da parte della società, tanto che fu solo il giocatore a firmare e non il suo entourage.

Questa sembra essere l’ennesima mossa alla “Raiola” che avrebbe già mosso le vie legali e  porterebbe quindi all’annullamento del contratto e all’attuazione di quello precedente che scade nel 2018, portando così Donnarumma a poter lasciare il Milan a parametro zero.

Sul ragazzo ci sono grandi squadre come il Real Madrid e il PSG che lo seguono da tempo, il Milan non decolla e quindi questa mossa può essere anche vista come un seguito al fallimento del progetto rossonero.

 

CONDIVIDI
Articolista dal 2012 principalmente sul Napoli, specializzato nelle analisi tattiche e tecniche di giocatori e squadre in particolar mondo per quanto riguarda le statistiche calcistiche.