Hamsik ti vogliamo bene, però ora è meglio che te ne vada

hamsik
VERONA, ITALY - AUGUST 19: Marek Hamsik of SSC Napoli looks on during the Serie A match between Hellas Verona and SSC Napoli at Stadio Marcantonio Bentegodi on August 19, 2017 in Verona, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Inutile dire che tutti i tifosi napoletani vogliono bene a Marek Hamsik, un giocatore serio come pochi, mai volgare e di esempio in campo così come fuori. Magari non un capitano trascinatore, ma sicuramente uno di quei leader silenziosi alla Paolo Maldini.

HAMSIK, TI VOGLIAMO BENE MA…

Gli vogliamo bene, gli siamo affezionati, riconosciamo tutto quello che ha fatto per il Napoli in campo o le rinunce economiche e di prestigio. Non è scontato che un giocatore rimanga fedele per tutta la sua carriera ad una sola squadra, soprattutto nel calcio di oggi.

Ma tutti i tifosi, o meglio, la maggior parte di essi sa bene che il suo declino è iniziato. In campo non è più lo stesso e anche fisicamente non sembra avere la resistenza di alcuni anni fa. Si capisce inoltre che anche la tenuta mentale non è quella degli anni scorsi.

COME TUTTO HA AVUTO INIZIO

Già in estate c’era la volontà di lasciare Napoli, solo per una questione economica e quindi in parte rimediare alle rinunce fatte per una vita, ma senza mai rincontrare il Napoli da avversario, ovvero in Cina. L’arrivo di Ancelotti e un’offerta non convincente (come sta accadendo anche ora), hanno fatto rimandare la sua partenza a data da destinarsi, lasciando intendere che però il matrimonio con il Napoli sarebbe presto finito.

In campo in questi tre mesi, il ruolo da regista non sembra donargli, ma non si capisce se per una questione tecnica/tattica o semplicemente perchè Hamsik con la testa è altrove, probabilmente quest’ultima dato che la trattativa con la Cina lui non l’ha mai mollata, infatti da giorni si parla di un suo passaggio a Febbraio al Dalian, squadra della Super League cinese.

L’AMBIENTE AZZURRO POCO SERENO, HAMSIK, ORA DEVI ANDARE

Così come in estate, l’offerta che arriva dalla Cina non sembra essere per nulla soddisfacente, tanto da far infuriare la società per la seconda presa in giro, mischiando le carte all’ultimo minuto, offrendo un prestito con diritto di riscatto al posto di un’offerta fissa (QUI I DETTAGLI).

Il tweet della società (QUI I DETTAGLI) ha lasciato subito intendere che la trattativa fosse saltata, probabilmente decisione d’istinto del presidente, ma ora il trasferimento sembra di nuovo possibile, si attende un’offerta seria dal Dalian. Tutto questo sta facendo vivere momenti poco tranquilli alla società e tutto questo non fa bene (QUI I DETTAGLI). Un Hamsik ancora con la testa tra le nuvole non serve, anzi può fare solo danni. Per accontentarlo la società si accontenta di rischiare anche di rimanere con solo quattro centrocampisti, insomma Marek, ti vogliamo bene, ma è arrivato il momento che tu vada. Lo vuoi tu, lo vogliamo noi, lo vuole la società.

CONDIVIDI
Articolista dal 2012 principalmente sul Napoli, specializzato nelle analisi tattiche e tecniche di giocatori e squadre in particolar mondo per quanto riguarda le statistiche calcistiche.