Guardiamo la D’Amico a Sky: non so se è più pena o goduria questo piagnisteo!

d'amico

Riviviamo tutte le emozioni del match: Matthijs de Ligt sale in cielo, una spanna sopra Rugani e Alex Sandro, e di testa la mette nell’angolo: è il 2-1 per l’Ajax, è la fine di tutto. L’immagine simbolo dell’eliminazione della Juve dalla Champions è servita e in uno scatto c’è tutto. Il dominio fisico dell’Ajax dei ragazzi, con un capitano 19enne già capace di decidere un quarto di finale di Champions.

Ovviamente, la Juve deludente, mezzo metro sotto il livello atteso, lontanissima dalla squadra vista un mese fa contro l’Atletico Madrid. De Ligt, obiettivo per l’estate, segna nella porta di Ronaldo 2018 e il parallelo di mercato è troppo facile, ma stasera – e non solo – conta molto di più la fine del sogno Champions. La Juve ancora una volta trova una serata maledetta ma c’è una differenza rispetto al passato: l’Ajax poteva segnare altre due, tre volte e non ci sono dubbi, ha meritato. Ronaldo ha segnato il solito gol da fenomeno ma è stato solo, troppo.

La Juve non è sembrata pronta alla grande serata. Ilaria D’Amico? Non ne parliamo, dai. Meglio non infierire. Stiamo guardando Sky e non so se è più una pena o una goduria questo piagnisteo.

CONDIVIDI
Amante del Napoli da sempre, con NapoliPage per raccontare la verità e sdoganare alcuni argomenti sul Napoli e sul calcio in generale