Genk-Napoli, pagelle: disastro Milik, si salva solo un azzurro

milik

Meret 6,5 – Diventa protagonista nel primo tempo su due tentativi del Genk. Dopo la prodezza su Salah col Liverpool, sul palcoscenico della Champions si conferma portiere di livello europeo.

Di Lorenzo 6,5 – Da premiare per applicazione e pulizia negli interventi, ma anche perchè inizia a destra e finisce per giocare a sinistra tutto il secondo tempo, tenendo botta alle incursioni sulla sua zona.

Manolas 6,5 – Dalle sue parti non si passa. Sempre in anticipo, non commette sbavature e fa ripartire anche con impeto l’azione.

Koulibaly 6,5 – Affronta la squadra che l’ha lanciato e offre una prestazione solida ed attenta. Sempre in anticipo, limita benissimo Samatta. Sfiora anche il gol, trovando un salvataggio sulla linea

Mario Rui 6,5 – Tra i migliori, fino a quando resta in campo. Dà ampiezza ed è protagonista di quasi tutte le uscite difensive. Un problema muscolare lo costringe al cambio (dal 33′ Malcuit 6 – Soffre qualcosina alle spalle in fase difensiva, meglio nella ripresa quando torna a destra ed è chiamato solo a spingere)

Callejon 5 – Il portiere gli devia il pallone sul palo nel primo tempo, ma è incredibile l’occasione fallita nella ripresa, solo da spingere in rete e mandata fuori provando un improbabile contropiede sul portiere. Per il resto non brilla e nel finale non stringe verso Llorente lasciandolo troppo solo sui cross dalla sinistra.

Elmas 6 – Si conferma utile in entrambe le fasi di gioco. In fase d’uscita fin troppo sicuro, tenendo il pallone prendendosi rischi importanti. Col tempo dovrà imparare a velocizzare l’azione (dal 58′ Mertens 6 – Dà sicuramente più vivacità all’attacco, collegando i reparti e attivando le corsie esterne. Difficile onestamente farne a meno dal primo minuto)

Allan 5,5 – Una palla persa ed una scivolata, quasi mandano al gol il Genk. Fondamentale però la sua presenza in fase di non possesso sui tanti ribaltamenti del match.

Fabian 6 – Con l’uscita di Mario Rui perde il riferimento e non riesce più a triangolare per buttarsi dentro. Nella ripresa da mediano tocca più palloni, non senza qualche errore, ma non riesce ad accendere la luce quando il Genk nell’ultima mezz’ora arretra il baricentro.

Lozano 5 – Ad un primo tempo molto negativo, si legge su tuttonapoli, non entrando mai nel match, fa seguito un secondo tempo sicuramente più incoraggiante, partendo dall’esterno e trovando più spazio con diversi suggerimenti al centro. Prende coraggio nel finale, buttandosi dentro col pallone.

Milik 4,5 – Schierato da titolare, farà fatica a dormire stanotte per le occasioni sciupate. Colpisce la traversa da terra con un buon guizzo, poi non sfrutta una dormita della difesa mandando un colpo di testa sulla traversa. Ancora più grave il secondo errore mandando di testa sopra la traversa, tutto solo sul secondo palo (dal 72′ Llorente sv – Qualche scambio, per il resto dà sicuramente più peso al centro dell’area ma non ha palloni su cui incidere realmente come capitato a Milik)

CONDIVIDI
Amante del Napoli da sempre, con NapoliPage per raccontare la verità e sdoganare alcuni argomenti sul Napoli e sul calcio in generale