Gattuso è una belva contro Higuain: il gesto da vigliacco di chi tradì Napoli per la Juve

Gennaro Gattuso

Un epilogo che nessuna si sarebbe mai aspettato fino a qualche settimana fa: Higuain e il Milan “divorziano” dopo appena sei mesi.

A spiegarci l’accaduto i colleghi di Milannews.it:

“C’è modo e modo di dirsi addio. Gonzalo Higuain ha scelto il peggiore. Il suo congedo è stato in linea con la sua esperienza al Milan: una delusione. Il Corriere della Sera riporta un particolare retroscena legato alla non convocazione del Pipita: a decidere – si legge -non è stato l’allenatore, ma l’attaccante. Se non è un ammutinamento, siamo lì.

RABBIA – I due si sono parlati a fine allenamento: convocato nell’ufficio di Gattuso, l’argentino avrebbe chiesto al tecnico di non essere convocato perché non se la sentiva. Un paio d’ore più tardi, Rino, in conferenza stampa, ha spiegato così la situazione: “Voglio solo persone che sono pronte a livello mentale per venire a fare la guerra con noi, Gonzalo non lo era. Deluso? No. Poteva fare qualcosa in più e potevamo farlo esprimere meglio”. In realtà il mister era inferocito.

DELUSIONE – E ne aveva i diritti: Gattuso, infatti, che per mesi ha difeso Higuain, si aspettava un addio diverso, più maturo e professionale. Probabilmente non l’avrebbe convocato comunque, ma avrebbe preferito essere lui a decidere, com’era giusto che fosse. Invece la decisione l’ha dovuta subire. E con lui tutto il Milan. Cala così, dunque, il sipario sul Pipa rossonero”.

CONDIVIDI
Laureando in giurisprudenza con la passione del giornalismo sportivo. Innamorato di Napoli e del Napoli, si pone con la scrittura l’obiettivo di raccontare il calcio in tutte le sue sfaccettature.