E’ Milik il vero punto debole del Napoli?

milik

E’ Milik il punto debole del Napoli? Del Genio prova a rispondere, ma prima della sua risposta facciamo il punto della situazione. Il polacco è stato fermo due anni per via di un doppio grave infortunio al legamento crociato. Ecco questo è Milik, un giocatore che deve essere ancora recuperato, ma è altrettanto vero che nella scorsa stagione il ragazzo ha segnato 17 gol senza tirare un rigore e senza nemmeno essere il titolare inamovibile. Ecco, le cose stanno così. Sentiamo cosa dice Del Genio:

“Partite come quelle con il Liverpool ed il Marsiglia, partite tattiche di grande applicazione nella fase di non possesso e ripartenze di alte qualità, il Napoli le riesce ad interpretare molto bene. Contro avversari tutto sotto linea palla per 90 minuti o contro squadre che propongono larghi tratti di pressing feroce, scorsi anni si è sofferto. Soluzioni vanno ricercate nell’individuazione di attaccanti con le qualità al momento assenti in organico, fermo restando statua da realizzare per quello che stanno facendo in questi anni Mertens, Callejon ed Insigne.

Allora vediamo come si potrebbe migliorare. Difficoltà 1: contro quelle che si chiudono fondamentale altro calciatore da mettere nei tre dietro la prima punta che abbia passaggio e giocate illuminanti tipo James oppure uno che salta uomo negli spazi stretti tipo Lozano. Attualmente abbiamo solo Younes in grado di fare questo. Difficoltà 2: per le gare contro squadre che pressano alto, determinante sarebbe colmare una lacuna, quella della prima punta che difende palla e riesce a fare salire la squadra, uno alla Dzeko , alla Zapata tanto per descrivere le carattestiche, uno da palla addosso, uno che riesce anche a muoversi su tutto il fronte offensivo per creare spazi ai tre dietro di lui. quindi, disegnato lo scenario di situazioni di gioco che si proporranno tutte, direi che la logica dovrebbe portare ad uno tra James e Lozano, tutti e due vanno bene se non pregiudicano e credo che economicamente invece possano bloccare, l’arrivo di una prima punta da alternare anche a Milik, qualcuno che in certe gare possa essere più funzionale di Milik stesso per il tipo di situazioni prima descritte. Forza Napoli”.

CONDIVIDI
Amante del Napoli da sempre, con NapoliPage per raccontare la verità e sdoganare alcuni argomenti sul Napoli e sul calcio in generale