De Laurentiis: “Younes? Arrivate ordini dalla Germania” altro che problemi di famiglia

de laurentiis
Ansa De Luca

Il presidente del Napoli ha parlato molto del mercato in un’intervista rilasciata a Repubblica da Milano, oltre che di Politano e Verdi anche di alcune precisazioni accadute con Younes, queste alcune sue parole:

Anche se i tifosi la contestano per il mercato deludente? «È stato un mercato da 10. Lo si definisce “di riparazione” perché serve a chi sta andando male, ma io cosa dovevo riparare, cosa si è scassato? Siamo primi, nel 2017 abbiamo totalizzato 99 punti, nel 2018 siamo partiti forte, Ghoulam e Milik stanno rientrando: di cosa avevamo bisogno? Verdi era un acquisto in prospettiva, perché può giocare nei tre ruoli d’attacco, ma alla fine non è voluto venire, non so ancora perché. Per Politano stavo per spendere 29 milioni che forse erano buttati, perché poteva giocare solo da esterno e se magari sbagliava le prime due partite, con Sarri era morto…»

Però stavate per acquistarlo, no? «Alla fine del mercato il Sassuolo si è fatto vivo per cederlo, alle 22.47 abbiamo inviato tutta la documentazione poi si è scoperto che i documenti per Ounas il Sassuolo ce li aveva restituiti senza timbro e firma… inutile fare dietrologia, su, ci siamo capiti. La piazza mugugna, ma la piazza non sa mettere in campo la squadra, non sa fare mercato, fa spesso solo corrida. I tifosi hanno sempre ragione ma bisogna farli ragionare. E nella vita non ho mai cercato il consenso, sennò facevo il politico».

Capitolo Juventus: ci sono state o no interferenze sul mercato? «Mah, non lo so… Se l’hanno fatto per Politano allora è stato un favore a noi. Su Younes, che alla fine abbiamo acquistato per luglio, come Ciciretti, a un certo punto c’è stata una triangolazione, lo volevano gli amici degli amici in Germania…il Bayern, molto amica della Juve? L’ha detto lei. Cose di Eca, Uefa, lasciamo stare… Ma non dico nulla. Quando arrivo in Lega devo indossare un habitus sopportandi e supportandi, non posso pensare di sedermi con gente che mi ha pugnalato. E poi i conti si fanno alla fine: prima o poi qualcuno avrà bisogno di qualcun altro, no?»

CONDIVIDI
Articolista dal 2012 principalmente sul Napoli, specializzato nelle analisi tattiche e tecniche di giocatori e squadre in particolar mondo per quanto riguarda le statistiche calcistiche.