De Rossi: “Finora nessun rimpianto, la sconfitta con il Napoli è servita da scossa”

Ha parlato in zona mista nell’immediato post partita con il Cagliari, gara conclusa con la vittoria giallorossa all’ultimo secondo, Daniele De Rossi, capitano della Roma che ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito al percorso della sua squadra.

“Sicuramente non è stata una partita facile, abbiamo avuto più occasioni di loro ma non era scontato vincere. Il rigore di Perotti? Non posso dirgli nulla, l’anno passato li ha segnati tutti, tant’è vero che lo prendevamo in gira perché riusciva a concretizzare solo così, ma sbagliare è umano, può succedere. Insomma a chi non è capitato di sbagliare un rigore? Comunque io sono il secondo e sono sempre a disposizione della squadra.

Vincere è stato un vantaggio, queste sono partite che in passato avremmo pareggiato. In questi casi si parla di squadra e allora la squadra deve lavorare meglio e aiutare maggiormente gli attaccanti. Rinforzi a gennaio? Non si può negare che abbiamo un organico forte, noi pensiamo a giocare e a dare il massimo, al mercato ci pensano i dirigenti e il mister. Scudetto? Non lo nomino nemmeno, la Juventus è più forte di noi, ma stiamo lì e continueremo a lottare fino alla fine.

Credo che stiamo disputando un bel campionato, finora abbiamo perso due partite immeritatamente: con il Napoli si è perso per un primo tempo non buono, ma sicuramente è servita da scossa, il mister ci ha fatto vedere tante volte quel match per capire come affrontare le gare successive. In quell’occasione sarebbe stato bello portare a casa almeno un punto, ma è andata così, dopo però abbiamo battuto Lazio, Milan, Torino e Fiorentina.

VAR? E’ un argomento che merita un’ora e più di discussione, oggi ero certo che non ci fosse il rigore, insomma dal campo sembrava non esserci, invece era netto. Sicuramente tra qualche anno questa tecnologia funzionerà al 100%, così da curare anche episodi come quelli avvenuti in Lazio-Torino, quando un tocco è rigore e l’altro no, costringendo gli arbitro a decidere due volte, prima e dopo.”

CONDIVIDI