De Laurentiis raggiante: “Vogliamo vincere l’Europa League. Poi l’elogio a Sarri…”

de laurentiis

Aurielio De Laurentiis ha parlato telefonicamente ai microfoni di Sky Sport:

“Incrocio in Europa League col Salisburgo? Innanzitutto – ha detto – il Napoli non ha paura di incontrare nessuno, siamo consolidati in Europa. Ci giochiamo da nove anni, non siamo timidi e abbiamo un grande allenatore come Ancelotti. Saprà guidarci verso una meta sicura, siamo affascinati da una città come Salisburgo. Siamo stati abbastanza fortunati nel sorteggio, potremo godere di una bella città e forse di una gara più agevole di altre”.

Ancelotti torna a Parma, debuttò in Serie A proprio sulla panca dei ducali contro il Napoli vincendo per 3-0. “Domani speriamo di giocare a parti inverse (ride, ndr)”.

Ancelotti sta valutando la rosa a sua disposizione. “Credo che noi abbiamo una rosa molto vasta, lui sperimenta tutta la squadra. Valuterà i calciatori di livello, lo sono tutti. Ci sono quelli più capaci di interpretare i suoi moduli, altri con minori capacità. Faremo una selezione a fine stagione, vedremo chi ha giocato con maggiore e minore intensità. Faremo le nostre deduzioni e porteremo avanti questo progetto che va sempre a migliorarsi”.

Ancelotti ha dato 7 a questo Napoli, finora. “Io sono sempre in linea con Carlo, è un uomo molto cauto e onesto. Intellettualmente e sul piano professionale, concordo con lui. Il 7 che dà al Napoli può soddisfare tutti, calciatori compresi”.

Spera di aumentare il voto? “Ci riuscirà sicuramente. Come si aumenta? Se il Napoli dovesse arrivare alla finale di Baku, allora sarà divertente interpretare questo grande match. Tuttavia ora è inutile fare previsioni, non vogliamo tirarcela e portarci iella da soli. Andiamo piano, gara dopo gara, c’è tanto da fare. Non trascuro il campionato, c’è sempre questa abituale sensazione di scoramento nei tifosi da stadio. Se non sono primi, non sono contenti. Noi lottiamo fino alla fine. Se uno si accascia alla prima défaillance, nella vita, sono dei falliti. Se uno non vuole esserlo, devi combattere fino alla fine. Nessuno deve sedersi nel torneo, non vince solo chi arriva primo. Vinciamo tutti se giochiamo con capacità e fervore”.

Si aspettava una distanza simile dalla Juventus? “Mi scusi, se avessi un debito di 200 milioni con le banche per aver preso un calciatore, che senso avrebbe vincere? Pensiamo alla ricetta giusta”.

Qual è la ricetta giusta per la prossima stagione? Ora è a Dimaro? “Sono a Dimaro per finalizzare il nuovo contratto per i ritiri dei prossimi tre anni, ho visto i responsabili e su questo territorio c’è molto da fare. C’è tanto amore, sono stato una settimana con la famiglia Rosatti. Hanno trasformato un tre stelle in un hotel in cui non manca nulla, mi hanno fatto visitare la nuova costruzione con 11 nuove suite straordinarie. Abbiamo varato anche un progetto dal titolo ‘Trentino Dimaro Soccer Juniors’, perché durante i 21 giorni di ritiro faremo una scuola calcio per ragazzi dai 7 ai 12 anni. Dalle 8 alle 19.30 ci saranno allenamenti per più fasce orarie”.

A chi assegna l’Oscar? “Lo darei alla pazienza di Ancelotti, è arrivato in un territorio complesso oltre che complicato. Col suo sorriso e la sua calma ha dato serenità e tranquillità all’ambiente della società, calciatori compresi. La grande capacità di Carlo è quella che ci lega tutti, l’Oscar lo darei innanzitutto a lui”.

Oscar lo darebbe a una sfida in Europa League tra Napoli e Chelsea? “Sarebbe divertente, se Sarri resiste… perché no? Resisterà? Gli auguro di sì. Non posso che augurargli di fare bene, ama alla follia questo lavoro. A volte questo gli fa perdere coscienza, va rispettato. Ha dato tanto al Napoli, non sempre si può condividere la sua visione di calcio ma ognuno ha i propri valori e i propri difetti. Altrimenti non saremmo umani”.

CONDIVIDI
Laureando in giurisprudenza con la passione del giornalismo sportivo. Innamorato di Napoli e del Napoli, si pone con la scrittura l’obiettivo di raccontare il calcio in tutte le sue sfaccettature.