Corbo un fiume in piena contro il Napoli: critica la società per un motivo ben preciso

Ieri in diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’,trasmissione in onda su Radio CRC, è intervenuto Antonio Corbo, giornalista de La Repubblica:

Allan come Kakà che rifiutò il Real Madrid? “So che è successo una cosa importante che mina la serenità del Napoli. Non escludo che il Napoli abbia gestito male la vicenda. Non ho visto ancora qualcuno che abbia detto che il PSG abbia fatto un’offerta e che il Napoli abbia chiesto tanto . Chi ne fa le spese è il Napoli. Da un lato ha dato una valutazione eccessiva per me per Allan, dall’altro ora che la trattativa è sfumata forse si trova con un giocatore deluso, che ha anche tutto il diritto di dire che se la società ha chiesto un prezzo così alto, ci vuole un giusto ritocco. Il Napoli si trova con un giocatore non venduto e un affare mancato. Mi sembra di capire che questa trattativa sia stata tirata un po’ per le lunghe” 

Allan o Barella? “Sono due giocatori diversi nel gioco. Barella è un giocatore a tutto campo. Ha qualche anno in meno, ma è a tutto campo e ha un buon piede. Allan è un grande incontrista, con un gran cambio di passo palla al piede, riuscendo a ribaltare l’azione. Barella al momento non è un giocatore maturo per il grande pubblico, ma di sicura qualità. Se posso dare un consiglio nel rispetto dei ruoli da opinionista suggerisco al Napoli di essere un po’ più rapido nelle trattative.  Se sei una società più smaliziata o più perfida, vai a trattare tutti i giocatori che sono un’alternativa ad Allan a questo punto droghi il mercato”.

CONDIVIDI
Laureando in giurisprudenza con la passione del giornalismo sportivo. Innamorato di Napoli e del Napoli, si pone con la scrittura l’obiettivo di raccontare il calcio in tutte le sue sfaccettature.