Albiol: “Napoli merita lo Scudetto, lavoriamo per questo”

Albiol

E’ intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss il difensore azzurro Raul Albiol, che ha rilasciato una lunga e divertente intervista, in cui si è raccontato sotto diverse sfaccettature, dal Napoli alla Nazionale, dalla famiglia al piatto preferito.

“Sicuramente la Spagna ha giocato un buon girone e ha conquistato l’accesso a Russia 2018, tentativo tuttavia fallito dall’ Italia; purtroppo in un match d’andata e uno di ritorno può succedere di tutto. Dispiace tanto, e mi rendo conto della tragedia che è per questo popolo, ma i ragazzi di Ventura hanno dato l’anima per farcela, hanno avuto buone occasioni ma non ce l’hanno fatta; nel calcio può succedere.

Quanto ai miei compagni Insigne e Jorginho sono delusi ed è più che normale, speriamo di tirarli su con una bella vittoria domani sera contro il Milan. Siamo consapevoli della difficoltà della gara, in questo caso la classifica non vuol dire nulla. I rossoneri sono una squadra totalmente rinnovata, hanno un buon organico al punto da rappresentare un avversario pericoloso, a prescindere dalle prestazioni in Serie A.

Conosciamo i nostri mezzi e il nostro potenziale, e speriamo bene bene dopo questa sosta. Sta per iniziare un’altra serie di gare complesse che vogliamo ben concludere. Troppi errori? No, uno degli obiettivi era migliorare la fase difensiva e stiamo lavorando per subire meno gol dell’anno scorso, è fondamentale.

Reina e Callejon? Li ho visti felici, è sempre bello andare in Nazionale, per quanto Pepe ha risolto i suoi problemi alla schiena. Buffon? E’ normale che abbia pianto, poteva essere il suo ultimo Mondiale. Ma non è stato l’unico a farlo. Se lo faremo piangere il primo dicembre al San Paolo? Non so, spero solo di riuscire a batterlo.

Juventus? E’ sicuramente la favorita, lo dicono gli ultimi sei anni. Noi però vogliamo restare in alto e con opzioni per vincere fino all’ ultima giornata, per questo, possiamo sbagliare pochissimo.

Scudetto? Non sarà semplice, ma abbiamo iniziato la stagione con la mentalità di voler superarci. Anche le altre vanno forte, bisognerà soffrire tanto e vincere ancora di più per essere primi. Nuova maglia? Non l’ho vista, lo giuro, ma mi dicono che sia molto bella. La scopriremo domani.

Mia moglie? Avevamo un amico in comune, la andai a trovare sul suo posto di lavoro, le chiesi subito il numero e poi la portai a cena. Non bisogna rimandare a domani quello che si può fare oggi. Figli? Dei quattro la più terribile è la piccolina, Mia, la marco a uomo ma non riesco a fermarla. E’ da rosso diretto!.

Cibo?? A Napoli si mangia bene, la cucina italiana è molto simile a quella spagnola. Il prosciutto italiano è buono, ma quello spagnolo lo batte 2-0. Sangria o vino? La sangria mi piace molto, ma sono entrambi buoni. Mozzarella o formaggi spagnoli? In questo caso vince la mozzarella. In casa non cucino io, non so fare praticamente nulla. Paella o pesce fresco? Sono valenciano, devo assolutamente scegliere la paella.

Se parlo Napoletano? Sento Insigne parlare, ma non capisco niente, ma adoro ascoltarlo.”

CONDIVIDI