Adl ha un nemico in più sul mercato. Rapporti tesi con un noto agente

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Antonio Corbo, giornalista de La Repubblica:

“Il Napoli nell’amichevole di domenica era ben disposto, è in continuo progresso ed è rasserenante. Certo, il Liverpool era sulle gambe a causa della preparazione, ma il Napoli ha avuto un po’ di sollievo grazie dal risultato viste le traversie del mercato che sta confermando un potere di ricatto dei mediatori. E’ insopportabile: guadagnano più dei giocatori che assistono e ne condizionano le scelte. La Uefa deve porsi questo problema perché quando le società si mettono d’accordo come è accaduto tra Napoli e Lille per Pepè, poi la trattativa non può saltare a causa dell’intermediario di turno che chiede oltre 5 milioni di provvigione. Così, si crea un super potere che va a sfiorare l’illegalità.

Raiola ha conquistato la fiducia di Insigne e lo ha portato anche fuori strada perché il ragazzo aveva da poco rinnovato col Napoli, ma ha iniziato a fantasticare orizzonti diversi in Premier. Tutto questo si è rivelato una favola raccontata da Raiola che intanto si è inserito nel Napoli e gli ha venduto Manolas. Adesso, lo stesso Raiola è nemico del Napoli perché aveva chiesto qualcosa di troppo e il club non lo ha accontentato. I procuratori dovrebbero guadagnare tra il 3 ed il 5% sui trasferimenti. Alcune società seguono un determinato costume: vanno direttamente dal giocatore attraverso i procuratori e bypassano la società. Solo dopo il consenso del giocatore si parla con il club di appartenenza che non ha potere. In questo modo, le società non contano nulla e i giocatori sono ostaggio degli intermediari. Pepè dovrà spiegarci perché preferisce l’Arsenal che non giocherà neanche la Champions al Napoli che ha offerto soldi congrui al Lille. Ve lo dico io: perchè deve seguire ciò che ha deciso il suo agente e andare dal club che paga più commissione”.

CONDIVIDI
Laureando in giurisprudenza con la passione del giornalismo sportivo. Innamorato di Napoli e del Napoli, si pone con la scrittura l’obiettivo di raccontare il calcio in tutte le sue sfaccettature.