Da ieri INSULTARE I NAPOLETANI e gridare lavali col fuoco non è reato, lo ha detto un giudice!

Ve la ricordate la consigliera comunale della Lega Nord al Comune di Como Donatella Galli? Non ricordate più chi è? Bene, allora vi aiutiamo mostrandovi una immagine. Quella che vedete sotto è la signora eletta consigliera comunale nella lista della Lega Nord che postò nel 2015 sul suo profilo Facebook una scritta “Forza Etna, Forza Vesuvio”, assieme ad una cartina dell’Italia che potete ammirare. Non serve il commento.

Donatella Galli. L’esponente leghista assolta

Ecco, la signora Donatella Galli faceva (non so se lo faccia ancora) il tifo per Etna e Vesuvio. Molti presunti tifosi negli stadi italiani, con cori razzisti e volgari, continuano a fare il tifo per Etna e soprattutto Vesuvio. Sono presunti tifosi di squadre avversarie del Napoli che scambiano il Vesuvio per un centravanti. Ma tant è! La signora di cui trattiamo si augurava che i due vulcani, tanto terrificantemente belli e maestosi quanto potenzialmente pericolosi, potessero fare che cosa? Cancellare tutto il Sud e con esso i meridionali? Dalla cartina senza il Sud dell’Italia potrebbe essere una chiave di lettura.

La signora fu denunciata da un avvocato napoletano, Sergio Pisani. E a Monza, in una aula di Tribunale della fascia cisalpina della repubblica Padana, un giudice, per la cronaca si chiama Eleonora Sechi, condannò la signora Galli a 20 giorni di reclusione (pena sospesa) e a un simbolico risarcimento danni da 1 euro o forse di più. Ma non importa, era una somma simbolica. Era un modo per dire alla signora: hai violato la legge con quelle offese e dunque la Repubblica italiana, con sentenza pronunciata in nome del popolo italiano, ti condanna. I fatti risalgono al 2015 e a denunciare la Galli fu la Municipalità di Scampìa, che era retta da Angelo Pisani, fratello dell’avvocato Sergio Pisani, e oggi politicamente vicino al ministro Matteo Salvini. Sono scherzi del destino pure questi.

Il giudice Elena Sechi condannò la leghista Donatella Galli perché “propagandava idee fondate sulla superiorità razziale ed etnica degli italiani settentrionali rispetto ai meridionali e commetteva atti di discriminazione razziale ed etnica fondata sulla superiorità sopra indicata” c’era scritto nelle motivazioni della sentenza.

La notizia incredibile oggi è che la signora Donatella Galli in Corte di Appello a Milano è stata assolta. E sapete perchè? Perché la Procura Generale aveva chiesto l’assoluzione della imputata già condannata a Monza e i giudici, accogliendo la richiesta della Procura, hanno mandato assolta la signora Galli “perché il fatto non sussiste”. Cioè mettere una cartina dell’Italia monca, senza il Sud, e scrivere quelle sconcezze che avete letto, non è reato.

Riprendiamo da juorno.it

CONDIVIDI
Amante del Napoli da sempre, con NapoliPage per raccontare la verità e sdoganare alcuni argomenti sul Napoli e sul calcio in generale