Ironia becera contro Milik: “Che ore sono?”, i messaggi dei tifosi juventini

milik

Ultimi interessanti aggiornamenti sulla rapina ad Arek Milik sull’edizione odierna del Corriere del Mezzogiorno. L’ipotesi di reato è di rapina aggravata e – si legge – sono state acquisite le immagini di dieci telecamere di sorveglianza che potrebbero aver ripreso lo scooter con in sella i due banditi che hanno assalito il calciatore. Milik rientrava a casa dalla partita di Champions di mercoledì. Alla guida della sua auto c’era la compagna perché, come lui stesso ha riferito ai carabinieri,dopo le partite preferisce rilassarsi.

Quando sono arrivati davanti al cancello che chiude il viale che porta alla sua villa di Varcaturo si sono palesati i due banditi. «Mi stavano aspettando, sapevano tutto e non hanno detto una parola. Avevano le pistole e hanno spaccato il vetro. Poi hanno portato via l’orologio che avevo al polso». Milik – prosegue il quotidiano – non è stato inseguito ma chi lo ha rapinato è stato avvisato da qualcuno che ha aspettato che uscisse dai garage dello stadio San Paolo poco prima di mezzanotte.

Un sms al cellulare dei banditi che erano distanti poche decine di metri da via Ripuaria, lì dove Milik si sarebbe fermato davanti al cancello elettronico di casa. Questo è il racconto choc di Milik, ma ancor più schifosa è la pseudo ironia dei tifosi della Juve che lo sfottono sui social. “Che ore sono?”, gli chiedono.

CONDIVIDI
Amante del Napoli da sempre, con NapoliPage per raccontare la verità e sdoganare alcuni argomenti sul Napoli e sul calcio in generale