Un giornalista napoletano smaschera la Juventus: “Vi dico una cosa sulle intercettazioni…”

Le intercettazioni dell’ex dirigente della Juventus Beppe Marotta svelano ancora una volta quello che è evidente da anni: una struttura piramidale che lega potere, soldi, calcio e racconto di questi, dove la squadra della famiglia Agnelli abita, sguazza, e vince.

Non fa tanto impressione la lingua degli stallieri, e nemmeno le vicende che si susseguono e che dimostrano una ripetitività di abusi, cambiano solo forma e non sostanza, cambiano gli uomini ma non l’obbligo di sottostare a ordini e desideri, quello che stupisce è come i direttori coinvolti, che distribuiscono moralità e domande agli altri, a tutti quelli che possono e devono essere colpevoli senza appello, non solo non chiedano scusa, ma stiano ancora al loro posto. E’ il pensiero del collega Marco Ciriello.

CONDIVIDI
Amante del Napoli da sempre, con NapoliPage per raccontare la verità e sdoganare alcuni argomenti sul Napoli e sul calcio in generale