Behrami ricorda Napoli: “In azzurro Cannavaro mi ha cambiato la vita, quando arrivai…”

behrami

Valon Behrami ha rilasciato alcune dichiarazioni a DAZN:

“Indossare la fascia di capitano in una squadra di serie A è un ruolo importante: se dovessi mostrarmi io negativo so che porterei appresso con me metà della squadra, ovviamente. Forse anche di più.

Quando ero alla Lazio c’era Di Canio, un trascinatore anche al di fuori e aveva un esercito di tifosi che lo seguivano. Quello che forse mi ha dato di più nella mia carriera è stato Paolo Cannavaro a Napoli: è una persona che mi ha disciplinato non solo in campo, per i momenti di troppo agonismo che avevo in allenamento ma anche nella vita fuori, per imparare a vivere una città complicata come Napoli”.

Da Napoli ti sei portato dietro qualche scaramanzia? “I capelli sono una cosa scaramantica: nel 2009, quando mi sono fatto male, è stato l’unico periodo in cui mi sono tolto il biondo. Tuttora la gente si meraviglia che li tenga così a 33 anni, ma..”.

CONDIVIDI
Articolista dal 2012 principalmente sul Napoli, specializzato nelle analisi tattiche e tecniche di giocatori e squadre in particolar mondo per quanto riguarda le statistiche calcistiche.