La storia di ‘Angelotti’ e di quei tifosi scemi che insultano il tecnico più vincente del mondo

Com’è noto (anche Libero ci prende un po’ in giro…) è  un Maurizio Sarri senza peli sulla lingua quello intervistato a Il Mattino. L’ex allenatore del Napoli fa un excursus dei suoi anni passati a capo della squadra partenopea e rivela un’interessante retroscena sul suo addio.

Il suo contratto sarebbe dovuto scadere il 31 maggio ma nella sera del 21 maggio ha scoperto una…sensazionale notizia. Il tutto è avvenuto tramite televisione, dove veniva annunciato l’arrivo di Carlo Ancelotti come nuovo allenatore del Napoli. “Ho acceso la tv e ho visto Ancelotti che entrava alla Filmauro”, commenta un incredulo Sarri.

I tifosi si dividono. Molti, soprattutto sarristi nostalgici, vedovelle e soviet… rimpiangono i tempi del Komandante (kappa d’obbligo ahah), ma altri invece si scagliano contro il tecnico. Alla fine è stato lui a volersene andare. In ogni caso, è assurda questa situazione. Tutti rimpiangono gli schemi di Sarri come se Ancelotti fosse un cretino (Angelotti come lo chiamano alcuni). Signori, diamo tempo a questo tecnico di prendere in mano il volante del club.

CONDIVIDI
Amante del Napoli da sempre, con NapoliPage per raccontare la verità e sdoganare alcuni argomenti sul Napoli e sul calcio in generale