Adl a Radio Kiss Kiss: “Non mi risulta questa trattativa. A Ronaldo ho proposto…”

Aurelio De Laurentiis ha parlato quest’oggi ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli. Ecco cosa ha detto:

Sono molto soddisfatto di questa prima settimana di ritiro, il Trentino è presente sempre in maniera corretta. Abbiamo trovato le strutture in perfetto ordine. La prima settimana è stata straordinaria perché ho notato come Ancelotti possa allietare e dominare il gruppo”.

Ha detto non siamo qui a pettinare le bambole. “Ogni allenatore ha il suo modo di allenare. Io ci tengo molto al ritiro, tant’è che ho sempre rifiutato di fare tournée in America ed Estremo Oriente. Abbiamo qualcosa con la Cina, ma non dipenderà da terzi. I terzi sono intrusi che vogliono speculare, ma a me non portano da nessuna parte. Abbiamo organizzato tre partite ad agosto. Una a Liverpool con la finalista della Champions League e sarà visibile in PPV su Sky e Mediaset. La novità è che i possessori di smartphone e tablet potranno vederla tramite Tim Vision, per noi nasce una nuova collaborazione. Spero che possano vederla tantissimi tifosi del Napoli. Stiamo dando la possibilità di vederla a tutti. Pagare 10 euro non è tanto. Lo facciamo perché le prime tre partite sono gratuite per gli abbonati, sia di Premium che di Sky. Per quanto riguarda le altre partite le giochiamo a Dublino, dobbiamo pagarci gli aerei, la situazione ambientale locale. Inoltre non avendo ancora Castel Volturno pronto resteremo dal 2 al 5 a Dublino, poi a San Gallo e poi nella sede della Volkswagen. Dopodiché ci sarà la settimana tipo, lì sì che tornerà a Castel Volturno”.

Con il Gozzano buone sensazioni. “Non si può ancora giudicare. A breve torneranno i calciatori importanti dal Mondiale, li avremo dal 22 fino al 2 agosto. Per uno serio come Carlo Ancelotti e come tutti gli allenatori del Napoli, non si possono dare giudizi già all’inizio, sarebbe troppo tempestivo. Nessuno che oggi ama il calcio e fa questo tipo di lavoro. Un allenatore deve sempre risetare la propria coscienza e amare sempre colori diversi, immedesimandosi. Ancelotti l’ha fatto in modo esemplare ed è finalmente innamorato di stare di nuovo in Italia”.

Sul Mondiale“Non ho visto una francia molto forte, ma un po’ distratta e un po’ annebiata. Deschamps è stato molto fortunato, lo vedevo sempre poco convinto, facendo smorfie di tensione. Mi è dispiaciuto l’uscita del Belgio, era la più forte e meritava di più. Quando l’abbiamo vista giocare contro l’Inghilterra, l’ha asfaltata, giocando in un modo sublime. Vorrei averli tutti a Napoli se fosse possibile, ma noi siamo già tanti e siamo tutti fortissimi”.

Su Ronaldo: “Mendes è un amico, siamo stati a casa sua a parlare di Rui Patricio, poi non ci siamo messi d’accordo per le rimostranze di tanti giocatori verso lo Sporting e noi ci siamo defilati. In più occasioni abbiamo parlato di tante cose e chiaramente anche di Ronaldo. Si era fratturata la chimica con il Real Madrid e Mendes in una chiacchierata disse: ‘Prenderesti Ronaldo?’. Io gli ho detto che ero spiazzato, gli avrei detto subito di sì. Poi riflettendo gli ho fatto una proposta, avevo bisogno dei primi 250 milioni di fatturato che rappresentano il border line per noi. Con Mazzarri gli stipendi erano a 30 milioni, oggi il 400% in più. Ho detto a Mendes di lasciarmi i primi 250 milioni di fatturato, io gli avrei lasciato gli altri 100 milioni. Perchè se con lui non avessimo fatto almeno i 350 milioni non sarebbe la star che è. Con la potenza di Ronaldo si fanno in un secondo. Dopo i primi 350 milioni gli altri sarebbero tornati al Napoli, con CR7 si fa subito a fare questi soldi e tutti saremmo stati felici e contenti. Ma Mendes è un uomo molto veloce, vuole bruciare il tempo e ho capito che non aveva tempo sufficiente. L’arrivo di Ronaldo al Napoli avrebbe portato un effetto che non si vede da tempo, così come sarà alla Juventus ovviamente, un effetto stordente. Però poi bisogna anche saper riflettere. Quest’anno abbiamo già fatto quattro innesti. E allora io che faccio, sacrifico tutto per Ronaldo? Perché poi tutti devono giocare per Ronaldo. Come avrebbero reagito poi i tifosi? Avrebbero sempre voluto Ronaldo in campo. E allora ci saremmo ritrovati a dover schierare sempre Ronaldo e non gli altri”.

Con Ancelotti giocate a carte. “E’ fortissimo a Tressette, è stata una scoperta incredibile, goduriosa”.

Su Fabian Ruiz: “Tutti quelli che noi scegliamo alla fine sono dei top player. Vengono selezionati con grande cura sul piano dell’immagine. E’ straordinario perché può essere estremamente potente sia a destra che a sinistra, chiaramente a centrocampo”.

Callejon per Suso è un’ipotesi? “A me non risulta. Abbiamo da fare una partita domenica prossima, poi un’altra il 29, poi avremo le due partite fondamentali con Liverpool e Borussia Dortmund. Poi abbiamo una terza partita che non è fondamentale. Dall’8 avremo due settimane buone per vedere dove piazzare quelli che Ancelotti non dovesse vedere ottimali per il gioco Napoli e, in quel caso, dovremo vedere se ci sarà spazio per un nome sostitutivo, ma soltanto da lì in avanti vedremo”.

CONDIVIDI
Laureando in giurisprudenza con la passione del giornalismo sportivo. Innamorato di Napoli e del Napoli, si pone con la scrittura l’obiettivo di raccontare il calcio in tutte le sue sfaccettature.